Video della Lectio Magistralis di Vito Mancuso, autore di “Io amo.Piccola filosofia dell’amore“, introdotto da Antonio Ceravolo, presentando la sua filosofia dell’amore. Il complemento di specificazione dell’amore può essere inteso o come genitivo oggettivo o come genitivo soggettivo. Nel primo caso l’amore è l’oggetto indagato, nel secondo caso è il soggetto dell’indagine, nel senso che è a partire da esso che si indaga il senso del mondo e della nostra vita al suo interno. Mancuso sviluppa entrambi i significati del genitivo: analizza l’amore come fenomeno con la stessa distaccata attenzione della scienza e assume l’amore quale punto di vista fondamentale per elaborare la questione del senso complessivo del vivere.

Descargar como:  PDF |   Microsoft Word |   Texto Plano   –     Imprimir Artículo

Compartir
Artículo anteriorLa tolerancia y el mal común
Artículo siguiente¿Es posible la reconciliación sociopolítica?
Vito Mancuso
Doctor en Teología Sistemática por la Pontificia Università Lateranense. Con Bachillerato en Filosofía por la Facoltà Teologica de Milano y Licenciatura en Teología por la Facoltà Teologica di Napoli. Es Profesor de la Facultad de Filosofia de la Università San Raffaele de Milano y de Teología de la Università degli Studi di Padova.